News
Serie B. Grande prestazione della Damiano Spina Oria
23/02/2020

Volley, La Damiano Spina Oria riparte, 3-0 al Pagliare Ascoli Piceno

Ripartenza immediata ed efficace per la Damiano Spina Oria, impegnata nel campionato nazionale di serie B2 femminile girone I;

Le ragazze di coach Cosimo Macelletti, hanno battuto al PalaOria, il Pagliare Ascoli per 3-0. Nel sestetto titolare, Macelletti ha dovuto rinunciare a Chiara Giancane, trasformando Lucrezia Saccani, da Libero a centrale, e bene la mantovana si è cimentata nel nuovo ruolo come meglio non poteva.

Per il resto, Gabriella Mercanti in Palleggio, Benedetta e Alessandra  Piccione opposte e Antonella De Franco, centrale con Saccani, ed Elisa Premoli, nel suo ruolo naturale. Recupero fondamentale il suo, a livello fisico.

 Le Tigri gialloblù, però non hanno un approccio felice alla partita, almeno inizialmente. 

Le marchigiane affamate di punti salvezza, in piena zona retrocessione, allungano sul 7-11, dal 7-7, nel primo parziale.  Le oritane, però esprimono in alcuni scambi, il solito gioco efficace nella zona centrale offensiva. In difesa però, le tigri gialloblù, orfane di libero, hanno qualche difficoltà, specie a muro e in copertura. 

Le padrone di casa, rosicchiano, qualche punto, ma sono sempre costrette ad inseguire nella prima parte del parziale d’apertura, anche se riescono ad accorciare fino al – 1, sul 13-14. Un calo di tensione però, le porta a cinque punti di svantaggio, sul 14-19, e il set sembra segnato. 

Il time- out di Maceletti, sveglia le tigri gialloblù, dal torpore, perché la battuta comincia a funzionare, approfittando degli errori in ricezione delle ascolane, e perché nei momenti difficili questa squadra sa sempre come compattarsi.

Un break positivo di 4-0, le riporta sul 18-19, Saccani da libero a centrale, funziona, perché la mantovana quando  ne ha l’occasione non perdona. Le marchigiane però tengono due punti di margine sul 19-21, ma il muro di Bruno, è il via ad un finale di set in volata. Piccione, pareggia sul 21-21, e nel finale di parziale, le tigri gialloblù, piazzano un mini parziale letale di 4-2, che consente loro di conquistare il set. Saccani si cimenta anche in ace pesantissima, in un momento determinante del parziale, finisce 25-23.

Equilibrio iniziale nei primi scambi del secondo parziale, fino al 6-6, ma poi la differenza di tasso tecnico tra le due formazioni diventa evidente, in un attimo è 10-6, che costringe il tecnico delle marchigiane ad interrompere il gioco.

L’interruzione non cambia nulla, tutto invariato, ormai la Damiano Spina, viaggia sicura. Le oritane conquistano punti, anche in combattuti scambi sottorete. A metà set, è 16-12.

Diventa 18-13, negli scambi successivi, il massimo vantaggio. Macelletti, ruota la formazione facendo giocare anche le giovani del vivaio oritano come Serena di Paola, punta di diamante del roster in serie D.

Ormai è 21-16, e dopo due sconfitte consecutive, senza aver mosso la classifica, le oritane, sono vicine a tornare a muovere la graduatoria, ma c’è da applaudire un altro ace di Saccani, che per una giornata, per necessità si è dimenticata e benissimo, di essere un libero.

Le marchigiane si rifanno sotto sul 23-20, ma la solita fast, Mercanti – De Franco, regalano, quattro set point, e Piccione chiude i conti. 

Le brindisine però, vogliono l’intera posta, e tenendo in mente, di qualche punto di troppo lasciato in casa, contro squadre alla portata, partono forte, nel terzo parziale è subito 5-1. Le avversarie, riequilibrano il gap, ma le tigri gialloblù, hanno troppa fame di vittoria è 11-7;

 nella zona centrale, con le “Fast” tra Mercanti e De Franco, non c’è davvero partita, cambiano le interpreti, ma il gioco offensivo della formazione oritana, è sempre questo.

 Mercanti, per non essere prevedibile, serve anche le opposte e Bruno e Piccione, si fanno trovare pronte. A metà terzo set, è ormai 16-10; Il massimo vantaggio delle tigri gialloblù, però è di nove punti sul 20-11. Le oritane non falliscono gli scambi successivi e chiudono sul 25-15.

Vittoria importantissima, serviva ripartire in un match insidioso contro una squadra che lotta per non retrocedere, un 3-0 netto e limpido. Le Brutte sconfitte contro Molinari Napoli e S.Salvatore Telesino sono alle spalle; nel prossimo turno, trasferta abruzzese contro la Polymatic Manoppello, (Pescara)